Borgo San Giuliano Rimini

5 motivi per visitare il Borgo

Il Borgo San Giuliano ha tutti gli ingredienti necessari per essere il quartiere più affascinante: la storia, l’architettura, i monumenti, la movida e un pizzico di follia romagnola che distingue i suoi abitanti.
Nell’ultimo decennio questo dedalo di vie è diventato un simbolo di Rimini, un pezzo importante della “cartolina” delle vacanze di milioni di turisti che ogni anno visitano la città.
Ma cos’ha di così interessante quello che un tempo era solo un borgo di pescatori? Perché dobbiamo attraversare il famoso Ponte di Tiberio per entrare in questo nuovo microcosmo?
Ecco fatto, abbiamo individuato 5 motivi per visitare il Borgo San Giuliano.

  1. Un quartiere tutto vicoli

    La prima cosa che colpisce del Borgo San Giuliano è la sua conformazione geografica. Piccole vie lastricate di pietra s’intrecciano con slarghi e piazzole, in un sistema di ragnatele che disorienta. Capita spesso di perdersi, di non ritrovare la strada, di ripassare davanti alla stessa porta. Ma questo non è un problema, anzi è il suo bello. Lasciarsi trasportare in questi vicoli è un’esperienza imperdibile: ci si ferma davanti alle piccole case colorate, si fotografano i particolari e ci si lascia incantare dagli scorci sempre nuovi. A caratterizzare i vicoli le basse case dalle facciate colorate, curate e ben tenute da tutti i residenti, orgogliosi di contribuire a rendere unico questo piccolo angolo di città. Importante: la zona è chiusa al traffico, il permesso di transito è accordato solo ai residenti.

  2. Murales

    Si è appena accennato alle case colorate. Borgo San Giuliano è un’esplosione di colori, ma questo non è dovuto solo alle facciate ma anche ai murales che in gran parte le ricoprono. I Murales del Borgo San Giuliano sono uno degli elementi più belli del quartiere perché raccontano la sua vita e quella dei suoi abitanti. Vengono disegnati a partire dal 1980 e rappresentano personaggi che hanno fatto la storia dei vicoli, antichi mestieri e paesaggi di mare. Una parte cospicua di questo patrimonio artistico è rappresentato dai Murales di Federico Fellini, il regista riminese amava tantissimo il borgo e i borghigiani tanto da trarne ispirazione per molti personaggi che poi sono finiti al cinema. Adesso il percorso è inverso: i personaggi dalle pellicole di Fellini sono tornati alle strade del borgo.
    Una curiosità: sino a questo momento i Murales sono sempre rimasti fuori dagli edifici, ma pare che si stiano conquistando un posto al caldo! È il caso del recente murales disegnato da Massimo Teresio, in arte Troll, che ha disegnato sul muro della sala di un ristorante di Piazzetta Pirinela nel cuore del Borgo (Retroborgo).

  3. Invaso del Ponte di Tiberio e passerelle galleggianti

    Non puoi parlare del Borgo San Giuliano senza citare il Ponte di Tiberio, il bimillenario attraversamento romano che collega il Centro storico di Rimini al vecchio borgo di pescatori. A monte del Ponte è stata costruita la Piazza sull’acqua, un’opera di legno e acciaio che permette in un solo sguardo di unire il Ponte, al Borgo e al Parco Marecchia, polmone verde del centro città. Dall’altra parte del Ponte di Tiberio due passerelle galleggianti – una attraversa, l’altra affianca – permettono rispettivamente di camminare sull’acqua e di passeggiare lungo un fianco del canale, da dove si apre la visuale sul retro delle case di via Marecchia, con i suoi giardini che si affacciano direttamente sull’acqua.

  4. Festa del Borgo (Festa de’Borg)

    Si festeggia il primo week end di settembre degli anni pari. La prima edizione risale al 1979 , come botta d’orgoglio dei borghigiani all’amministrazione comunale che aveva deciso di bonificare la zona, distruggendo di fatto il Borgo e la sua anima. Da allora la Festa de’Borg è uno dei momenti più attesi della città, tutte le strade e le pizze a ridosso del Ponte di Tiberio si animano di spettacoli musicali, cibo, buon vino e casette vestite a festa.

  5. I ristoranti e la Movida

    Nell’ultimo decennio Borgo San Giuliano è diventato uno dei principali luoghi della movida riminese. Qui si concentrano bar, enoteche e piccoli ristoranti di pesce e cibo tipico. Chi li frequenta ricerca la tradizione romagnola e un’atmosfera rilassata. Molto affollato il momento dell’aperitivo e il dopo cena.aperitivo al borgo San Giuliano di Rimini